Antico palazzo

…un castello
Annunci

Coi denari…

Stamattina mi sono svegliato male e, poichè mi giravano i coglioni, ho buttato giù due righe. Poi una buona notizia ha capovolto l’esito della mattinata ma oramai la poesia l’avevo scritta e quindi, sebbene adesso io sia di buon umore, la pubblico ugualmente e libero il Giuseppe Giochino Belli che ha risieduto in me durante le prime luci del giorno…

Ovviamente, l’immagine che accompagnerà questo breve scritto disincantato non potrà essere altro che una marana*

*In dialetto romanesco la marana è un piccolo fosso o corso d’acqua che attraversa il territorio urbano.

Buona o cattiva lettura…   Fate vobis

Coi denari
Anche un idiota
Vincerà le elezioni,
Un cantante stonato
Canterà le sue canzoni,
Sarà santa una puttana,
Se ha la grana.

Gli inetti
Diverranno impiegati
E gli stolti amministratori
Con la conoscenza
E i favori
Di chi ha gli ori.

Non esistono porte chiuse,
Aspettative disilluse
O sentimenti troppo cari,
Sono dolci i cazzi amari,
Coi denari...

  -Etiliyle-